Renault-Nissan

Carlos Ghosn, uno dei leader più potenti e ammirati dell’industria automobilistica mondiale, trascorrerà altri 10 giorni sotto la custodia delle autorità giapponesi, mentre continua la sua notevole caduta dalla cima del più grande impero automobilistico del mondo. I procuratori giapponesi hanno arrestato Ghosn, presidente di Nissan Motor, due giorni fa, quando sono saliti a bordo del suo jet aziendale poco dopo essere atterrato all’aeroporto di Tokyo Haneda. Il numero uno della società giapponese deve ancora essere accusato di un crimine.

Nonostante ciò, il suo periodo di reclusione potrebbe continuare per diverse settimane. Secondo la legge giapponese, i pubblici ministeri possono detenere sospetti per un totale di 23 giorni senza accusarli di alcun crimine. “Non ci sarà nessun trattamento speciale per Ghosn”, ha detto Tsutomu Nakamura, ex procuratore e ora avvocato privato della difesa che non è coinvolto nella situazione di Ghosn. “Sarà trattato allo stesso modo di un ladro.” La lunga inchiesta aggiunge una drammatica e improvvisa caduta. Il signor Ghosn ha creato un’alleanza tra Nissan, Renault e Mitsubishi Motors, un’altra società automobilistica giapponese, rendendola il più grande produttore di automobili del mondo.

L’arresto è arrivato in seguito a un’indagine interna della società che ha riguardato Carlos Ghosn insieme a Greg Kelly, un ex manager delle risorse umane di Nissan e attuale membro del consiglio di amministrazione. Secondo l’ufficio dei pubblici ministeri di Tokyo, il Ghosn e Kelly sarebbero accusati di evasione fiscale per quanto concerne lo stipendio del Presidente della società nipponica. I due dirigenti automobilistici sono probabilmente detenuti in un centro di detenzione nella parte orientale di Tokyo.