Nissan

L’ex numero uno di Nissan, Carlos Ghosn, rimarrà in carcere fino all’11 gennaio, in seguito alla richiesta dei pubblici ministeri di continuare a interrogarlo per altri 10 giorni in seguito al suo nuovo arresto avvenuto lo scorso 21 dicembre. Ghosn avrebbe dovuto essere rilasciato di prigione il giorno di Capodanno, ma il sospetto di aver spostato una grossa fetta di investimenti privati in perdita ​​su Nissan all’indomani della crisi finanziaria del 2008 ha spinto i PM ad ulteriori indagini.

Ghosn è già stato formalmente accusato di cattiva condotta finanziaria – per le accuse di aver sottostimato il suo stipendio per un periodo di cinque anni. Il suo avvocato, Motonari Otsuru, ha rilasciato una dichiarazione scritta il 23 dicembre spiegando che le azioni del suo cliente non costituivano una violazione della fiducia e che i pagamenti identificati dai pubblici ministeri sono stati effettuati per lavoro completato da una persona non identificata presso Nissan. L’architetto dell’Alleanza Renault-Nissan-Mitsubishi, è stato arrestato in Giappone in novembre, accusato di aver sottostimato il suo stipendio per evadere il fisco, utilizzando i beni aziendali per uso personale e con altre gravi accuse. Ghosn è stato spogliato dei suoi ruoli di presidente in Nissan e Mitsubishi dopo che le accuse sono emerse, anche se rimane presidente e CEO di Renault.

Nissan è stata anche accusata dai pubblici ministeri come società coinvolta nel caso, secondo l’emittente televisiva giapponese NHK. Anche l’ex direttore generale della casa nipponica, Greg Kelly, che è stato arrestato nello stesso periodo di Ghosn, è stato incriminato. Il tribunale ha respinto la richiesta di estendere la sua detenzione, quindi è stato rilasciato il 25 dicembre. Se giudicato colpevole dei crimini di cui è accusato, Ghosn potrebbe essere condannato a 10 anni di prigione e multato fino a 4,9 milioni di sterline da parte dei regolatori finanziari giapponesi.