Opel: ecco il suo piano per rispettare i nuovi limiti per le emissioni

News

Prima di essere acquistata dal gruppo PSA, Opel sapeva che avrebbe dovuto affrontare problemi molto seri. Tra questi, le sue perdite operative annuali di quasi 1 miliardo di euro, ma anche la sua incapacità di raggiungere gli obiettivi UE di riduzione delle emissioni di CO2, il che avrebbe comportato pesanti multe. Ora, due anni dopo, Opel è redditizia e ha un piano chiaro su come raggiungere i propri obiettivi di emissioni, ha dichiarato il CEO dell’azienda Michael Lohscheller in un’intervista.

Tuttavia, alla fine dello scorso anno, le emissioni di Opel erano molto più alte di quelle dei marchi principali di PSA, Peugeot e Citroen. Stiamo parlando di 126 g / km di CO2, a differenza di 108 g / km. Ora, il loro obiettivo sarà di circa 94 g / km, secondo gli analisti. Il modo per arrivarci è eliminare le vecchie architetture GM e lanciare versioni ibride elettriche e plug-in dei suoi modelli popolari, ha detto Lohscheller.

“Le nuove auto sulle architetture PSA offriranno un enorme miglioramento delle emissioni e quindi porteremo l’elettrificazione al top”, ha affermato Lohscheller. “Per essere molto chiari: saremo conformi al 2020.” Alla fine del 2018, la maggior parte dei modelli Opel erano ancora in sella a piattaforme GM. Questo includeva la Corsa, così come Astra, Mokka X, Insignia, Adam e Zafira. Nel frattempo, il peso medio della flotta era di 1.345 kg, contro 1.204 kg per Citroen e 1.245 kg per Peugeot, secondo ISI.

Entro la fine del 2020, questa gamma sarà molto diversa, specialmente con una Corsa completamente nuova ed elettrificata che cavalca l’architettura CMP di PSA. Arriveranno versioni elettrificate di Grandland X e di Mokka X, mentre entro il 2024, Opel avrà versioni elettrificate per ciascuna delle sue auti che siano ibridi o modelli completamente elettrici. “Abbiamo cambiato una parte importante del nostro portafoglio prodotti”, ha aggiunto Lohscheller. “Le nostre emissioni erano relativamente elevate, ma si basavano sul precedente portafoglio di prodotti.”

L'autore

Ippolito per gli amici Lito, nasce a Monza. Laureato alla Bocconi in ingegneria meccanica. Appassionato di giornalismo in breve tempo scrive su noti portali Automotive Italiani ed esteri. Seguo in modo accurato tutto il settore Automotive News. Appassionato di Motori ed in particolare di Formula 1.
Potresti essere interessato a:
News

Byton M-Byte: svelate le caratteristiche del suv al Salone di Francoforte

News

Bugatti conferma che ci sarà una versione di produzione di Chiron Longtail

News

Continental sta valutando lo scorporo della divisione

News

Gli Stati Uniti guidano gli investimenti globali nelle start-up della mobilità

Lascia un commento