Opel

L’ex capo di Opel Karl-Thomas Neumann sta guidando la nuova EVelozcity  quest’anno insieme ad altri gestori tedeschi di automobili in California. Anche Opel e altri produttori vogliono costruire più auto elettriche in futuro. “Tutti vogliono l’elettromobilità, ma vogliono anche che tutto rimanga così com’è”, ha detto Neumann alla rivista economica Capital. “Ma tutto deve cambiare in modo che possa diventare elettrico e le persone tradizionali non hanno idea di ciò.”

Neumann si aspetta che le auto elettriche non possano più essere fabbricate con i soliti margini nel settore. Le ragioni di ciò sono la grande competizione e i costi elevati per le batterie. Le vendite e la produzione dovrebbero quindi essere completamente riorganizzate. “Questo è un pensiero completamente diverso”, ha detto. “E significa distruzione per tutto ciò che i produttori stanno facendo attualmente.”

Stefan Krause, socio in affari di Neumann e CFO di BMW, non crede nemmeno che l’industria automobilistica tedesca abbia abbastanza potenza innovativa per il cambiamento. “Se Tesla fosse stata un’affiliata di BMW e avessero bruciato così tanti soldi per 14 anni, allora l’intera commissione BMW sarebbe stata buttata fuori tre volte”, ha detto. “E gli azionisti avrebbero fermato il progetto.”

In EVelozcity, le responsabilità dell’ex numero uno di Opel includono connettività, concetti di mobilità e marketing, per il mercato europeo. EVelozcity è stata fondata alla fine del 2017 da Stefan Krause e dall’ex sviluppatore BMW Ulrich Kranz. Entrambi hanno ricoperto posizioni di vertice con Faraday Future, produttore di auto elettriche. Insieme all’ex capo progettista di Faraday, Richard Kim, ora vogliono offrire anche auto elettriche altamente collegate a prezzi accessibili.