Il Giappone si sta preparando per l’arrivo del primo modello elettrico dell’azienda tedesca. Il paese del sol levante ha un’elevata clientela per il marchio tedesco con una rete di 46 concessionari in Giappone e vendite che hanno superato le 7.100 unità nel 2018. Con questi dati, Porsche e il suo partner specializzato nell’elettrificazione ABB stanno già preparando l’infrastruttura per il nuovo Porsche Taycan, che raggiungerà le isole giapponesi nel 2020, realizzando un sistema di ricarica rapida standard per tutti i futuri modelli elettrici del produttore. I nuovi punti di ricarica saranno posizionati nei centri ufficiali del marchio e nelle strutture pubbliche di tutto il paese.

Il lavoro di ABB è già partito e i primi punti di ricarica dovrebbero iniziare a funzionare entro la metà dell’anno prossimo. Questi saranno dotati di tecnologia avanzata con una potenza minima di 150 kW e capacità espandibile in base alle esigenze, compatibile anche con il sistema CHAdeMO. La nuova misura del marchio tedesco e del suo partner specializzato rafforzano l’ambizioso obiettivo che il governo giapponese ha proposto, quello di vendere solo auto elettriche o ibride entro il 2050 contribuendo a ridurre le emissioni e i gas serra impedendo al riscaldamento globale di aumentare.

Il debutto di Porsche Taycan avverrà al Salone di Francoforte 2019. Più piccolo del Panamera , il suo powertrain offrirà una potenza massima di 600 CV permettendogli di accelerare da 0 a 100 km / h in soli 3,5 secondi e con un’autonomia massima superiore a 500 chilometri, specifiche che saranno uguali anche nella versione crossover, la Taycan Cross Turismo.