Porsche: Piëch vende la sua quota, un addio clamoroso

PorscheVolkswagen
piech

La significativa partecipazione dell’ex presidente di Volkswagen Ferdinand Piech nel consiglio d’amministrazione di Porsche SE potrebbe essere trasferita ad altri membri del clan Porsche e Piëch prima del 30 maggio, lo ha rivelato il giornale tedesco Bild am Sonntag. La casa automobilistica tedesca ha confermato Venerdì che Piëch voleva vendere la sua partecipazione del 14,7%, il cui valore è stimato in almeno 1,1 miliardi di euro. Le famiglie Porsche e Piëch controllano il 52% delle azioni ordinarie del Volkswagen Group attraverso la holding e hanno un diritto di opzione di priorità sulle azioni del Patriarca, che corrispondono a una effettiva partecipazione del 7,35 per cento in Volkswagen .

Citando una fonte vicina alle parti, Bild am Sonntag ha scritto che il cambiamento potrebbe essere efficace prima della riunione generale annuale di Porsche SE che si terrà il 30 maggio prossimo. La cessione della partecipazione di Ferdinand Piëch, che compirà 80 nel mese di aprile prossimo, segnerebbe l’uscita di scena definitiva della ex uomo forte di VW, che negli ultimi decenni ha fatto del costruttore tedesco un gigante globale aggiungendo ad esso Audi, Bentley , Bugatti, Ducati, Lamborghini, Seat e Skoda. Dunque il fatto che il patriarca di Volkswagen voglia liberasi delle sue quote è una notizia che sta sconvolgendo il mondo dei motori.

Leggi anche: Panamera Turbo S E-Hybrid: caratteristiche complete e prezzo in Italia

Porsche

La significativa partecipazione dell’ex presidente di Volkswagen Ferdinand Piech nel consiglio d’amministrazione di Porsche SE potrebbe essere trasferita ad altri membri

Leggi anche: Volkswagen: accordo con Fiat Chrysler per mettere le mani su Maserati e Alfa Romeo?

Questo altri non  è che l’atto finale di una vicenda ricca di colpi di scena. Probabilmente questo addio rappresenta uno strascico del dieselgate. Piëch nelle scorse settimane aveva fatto agli inquirenti clamorose affermazioni. egli aveva detto che Winterkorn e alcuni membri del consiglio di sorveglianza erano al corrente dei problemi che poi hanno generato lo scandalo dieslegate.

L'autore

Laureato in Giurisprudenza, appassionati di motori, esperto di tutto quello che riguarda Alfa Romeo.
Potresti essere interessato a:
Volkswagen

Volkswagen T-Roc: la gamma si arricchisce con il nuovo 2.0 TDI da 190 CV

Porsche

Porsche 718, Cayenne e Panamera potrebbero diventare elettriche

Volkswagen

Volkswagen ha svelato oggi la sua stazione di ricarica domestica

Volkswagen

Volkswagen e-up! e e-Golf: il futuro è elettrico

Lascia un commento