Tesla Gigafactory 3 stabilisce un nuovo record

News

Molti sono rimasti colpiti dalla costruzione incredibilmente veloce ed efficiente di Tesla Gigafactory 3 a Shanghai in Cina. I dubbiosi non pensavano che Tesla sarebbe stata in grado di rispettare i tempi di costruzione. In effetti, all’inizio erano apparse immagini sui social media che destavano non poche perplessità circa i tempi per la costruzione dell’impianto che invece in realtà è stato realizzato in tempi record. Fortunatamente per Tesla, appena sette mesi dopo l’inizio dei lavori su Tesla Gigafactory 3 e 10 mesi dopo che il contratto per l’acquisto del terreno originale è diventato ufficiale, la società ha ricevuto un certificato fondamentale dal governo locale.

Fondamentalmente, Tesla ha fatto domanda per l’ispezione, un passo fondamentale per l’apertura futura della fabbrica. Questa ispezione da parte degli organi preposti è avvenuta solo tre giorni dopo della richiesta e la casa americana ha ottenuto tutte le approvazioni del caso. Questo è un nuovo record per il governo locale di Shanghai che di solito ci mette molti mesi. Questa è una testimonianza del supporto cinese che Tesla sta ricevendo. Si spera che tutte le successive autorizzazioni di costruzione e di governo continuino su un percorso simile. Il CEO Elon Musk visiterà presto il sito ed è chiaramente entusiasta dei progressi effettuati dall’ultima sua visita. Ricordiamo che entro fine anno dovrebbe partire la produzione di Tesla Model 3 e poi in futuro anche quella di Model Y.

L'autore

Ippolito per gli amici Lito, nasce a Monza. Laureato alla Bocconi in ingegneria meccanica. Appassionato di giornalismo in breve tempo scrive su noti portali Automotive Italiani ed esteri. Seguo in modo accurato tutto il settore Automotive News. Appassionato di Motori ed in particolare di Formula 1.
Potresti essere interessato a:
News

Lexus RX, arriva il restyling

News

ZF rende i trasporti pubblici locali intelligenti e con basse emissioni

News

Lancia Ypsilon, ecco la serie Monogram

News

Idrogeno: le Case chiedono più infrastrutture in Europa

in questo momento ti trovi Offline