tesla model S
tesla model S

Le vendite di Tesla Model S e Model X sono crollate di circa il 50% durante il primo trimestre. Una possibile spiegazione è che gli acquirenti sono in attesa di un aggiornamento hardware previsto e un possibile aggiornamento del design. Altre grandi ragioni includono la fine del pieno credito d’imposta da 7.500 dollari negli Stati Uniti e la cannibalizzazione (specialmente per il Model S) da parte di Model 3. Ieri sera, la casa automobilistica americana ha rilasciato i numeri del primo trimestre 2019, confermando la produzione di 77.100 veicoli e le consegne di 63.000 automobili.

Nei primi 3 mesi del 2019 crollano le vendite di Model S e Model X

Tra queste 63.000 consegne, solo 12.100 erano veicoli Model S e X e per la prima volta Tesla non ha nemmeno fatto una distinzione tra questi due modelli sommando le loro immatricolazioni a livello globale. Questo dato rappresenta una diminuzione del 56 per cento rispetto alle 27.550 unità consegnate nel trimestre precedente e del 44 per cento rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Questa è una significativa riduzione delle vendite, ma Tesla non ha offerto una chiara spiegazione dei motivi per cui possa essere avvenuto questo sorprendente calo.

Ti potrebbe interessare: Tesla Model 3 spinge le vendite di EV norvegesi a un nuovo record: il 58% delle nuove auto è elettrico