Tesla ancora in rosso nonostante il record di vendite nel secondo trimestre del 2019

Tesla
Tesla Model 3

Niente da fare. Il risultato record ottenuto da Tesla nel corso del secondo trimestre del 2019 non è stato sufficiente a garantire alla casa californiana la possibilità di chiudere il bilancio in attivo. Come comunicato in queste ore, infatti, Tesla ha registrato nel corso del secondo trimestre del 2019 una perdita di 408,3 milioni di dollari, un risultato sensibilmente migliore rispetto allo scorso anno (quando la perdita superò i 700 milioni di dollari) ma comunque allarmante se si considera il record storico di vendite di oltre 95 mila unità registrato tra aprile e giugno del 2019.

Da segnalare anche un calo del margine lordo, sceso dal 20.6% al 18,9% e legato alla volontà di Tesla di spingere sulle vendite della Model 3 e, più in generale, su prezzi più popolari per la sua gamma di elettriche. Tesla ha specificato, in ogni caso, che il prezzo medio di vendita della Model 3 resta intorno ai 50 mila dollari visto che i clienti continuano a preferire la versione Long Range alla più economica Standard Range.

A pesare sui risultati di Tesla è anche il calo del 21% registrato dalle consegne aggregate di Model S e Model X, i due modelli più costosi della gamma dell’azienda americana che stanno finendo in secondo piano a causa del successo internazionale della Model 3.

Da segnalare che i ricavi totali di Tesla, che comprendono anche le attività in campo energetico e non solo le vendite di auto, sono cresciuti sino a 6,35 miliardi di dollari (+58% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno) ma restano al di sotto delle attese di ben 90 milioni di dollari. A questo risultato, Wall Street ha fatto registrare una perdita dell’11% del valore delle azioni di Tesla.

Tesla conferma i target di vendita ma dovrà registrare un semestre da record per centrarli

Elon Musk ha confermato i target di vendita di Tesla per il 2019. La casa americana punterà a vendere tra i 360 mila ed i 400 mila veicoli nel corso del 2019, un risultato decisamente complicato considerando che il primo semestre, nonostante il record di vendite degli ultimi tre mesi, si è chiuso con 158 mila unità vendute.

Per raggiungere i target di vendita, Tesla continuerà a puntare sul miglioramento della capacità produttiva della Model 3. Attualmente, la casa americana è arrivata a produrre 7 mila unità a settimana. Entro la fine del 2019 l’obiettivo è raggiungere, stabilmente, quota 8 mila Model 3 a settimana e 10 mila vetture complessive. Da notare che entro fine anno sarà attiva la Gigafactory di Shanghai.

L'autore

Web editor e blogger da più di dieci anni, sono appassionato di sport, motori e tecnologia.
Potresti essere interessato a:
Tesla

Elon Musk: nessun piano per le sospensioni pneumatiche per Tesla Model 3

Tesla

Tesla Pickup: ecco tutto ciò che sappiamo

Tesla

Tesla avvia le vendite del Model 3 in Corea del Sud

Tesla

Tesla Model 3 esplode dopo un incidente con un camion