Tesla
Tesla

Tesla ha iniziato a installare un aggiornamento software che aumenta la capacità di carica massima utilizzabile attualmente in oltre 12.000 caricatori di seconda generazione in tutto il mondo da 120 a 145 kW. Questo segue il precedente lancio del V3-Supercharging che però per il momento riguarda solo Model 3. Tesla aveva già annunciato questo aggiornamento all’inizio di questo mese durante la presentazione della terza generazione di Supercharger. Quest’ultimo è in grado di fornire capacità di carico fino a 250 kW e a differenza dei Supercharger di seconda generazione.

Ma prima che inizi l’installazione di questi nuovi supercharger gli attuali stalli grazie ad un aggiornamento del software vengono potenziati. È noto da diversi anni che i caricabatterie veloci di Tesla possono teoricamente caricare fino a 145 kW. Fino ad ora, i veicoli sono stati il ​​fattore limitante. Da questa settimana, tuttavia, la casa americana ha implementato un aggiornamento software (versione 2019.7.11) per il Model 3 in modo che queste auto possano sfruttare l’aumento della potenza di ricarica. Tesla aveva anche promesso ai clienti di Model S e Model X una maggiore potenza di ricarica. Finora, tuttavia, questa promessa non è stata ancora mantenuta.

Ti potrebbe interessare: Tesla: la costruzione della Gigafactory di Shanghai procede a gonfie vele