Tesla Semi: produzione rinviata oltre il 2020

Tesla

L’amministratore delegato di Tesla, Elon Musk, ha rivelato che il camion Tesla Semi non arriverà nella linea di produzione fino alla fine del 2020. La Semi fu presentata al mondo alla fine del 2017 e, all’epoca, la società dichiarò che la produzione sarebbe iniziata nel 2019. In tipico stile Tesla, quella data si è rivelata eccessivamente ambiziosa.

Parlando durante l’ultimo incontro degli azionisti di Tesla, Musk ha fatto un po’ di scalpore menzionando che la produzione della Semi è stata spostata di ben 12 mesi. Ha affermato che il ritardo si riferisce alla capacità dell’azienda di aumentare la produzione di batterie: “Non ha molto senso aumentare la complessità del prodotto se non abbiamo abbastanza batterie.”

Musk ha aggiunto che Tesla farà tutto il possibile per garantire che possa aumentare la produzione delle batterie il più velocemente possibile. Mentre il consumatore medio probabilmente non sarà eccessivamente preoccupato di sentire che il Semi è stato rinviato, alcune delle aziende che lo hanno ordinato probabilmente chiederanno nuove informazioni. Tra queste Anheuser-Busch, UPS, FedEx e Walmart. 

A meno che le cose non cambino nel momento in cui Tesla Semi arriverà in produzione, la versione top di gamma avrà un’autonomia di 804 km in autostrada con rimorchio a pieno carico. I prezzi partono da 150.000 dollari per la variante da 482 km e da 180.000 per la versione da 800 km.

About author

Ippolito per gli amici Lito, nasce a Monza. Si laurea alla Bocconi in ingegneria meccanica. Appassionato di giornalismo in breve tempo scrive come Guest su noti portali Automotive Italiani ed esteri. Seguo in modo accurato tutto il settore Automotive News. Appassionato di Motori ed in particolare di Formula 1.
    Related posts
    Tesla

    Tesla aggiorna nuovamente i prezzi

    Tesla

    Il valore del marchio di Tesla è salito del 60% nel 2018

    Tesla

    Tesla Model 3 vince il "Car of The Year 2019" di Auto Express

    Tesla

    Tesla si prepara ad aumentare la produzione

    Lascia un commento