Honda e Toyota

Le vendite di nuove vetture di Toyota e Honda negli Stati Uniti sono calate a novembre. Lo hanno confermato le stesse case automobilistiche giapponesi nelle scorse ore, indicando un calo generale dei numeri dell’industria statunitense lo scorso mese a fronte dell’aumento dei prezzi delle auto e dei tassi di interesse. Le vendite di Toyota Motor Corp, che sono aumentate dell’1,4 percento in ottobre, sono scese dello 0,6 per cento a novembre con 190.423 unità immatricolate lo scorso mese. Ciò sarebbe avvenuto a causa della diminuzione della domanda per le berline Prius e Camry, secondo quanto dichiarato dalla società nipponica.

Honda Motor ha dichiarato che le sue vendite sono diminuite del 9,5 per cento a 120.534 veicoli danneggiato dai minori volumi sulle autovetture come la Civic. Le vendite complessive di auto negli Stati Uniti sono diminuite del 2% lo scorso anno da un livello record di 17,55 milioni nel 2016 e dovrebbero scendere ulteriormente nel 2018. Tuttavia, un calo a novembre rappresenta una novità. Non accadeva infatti dal 2009 in quanto novembre è un mese in cui i rivenditori offrono tradizionalmente accordi per la liquidazione delle scorte prima del nuovo anno.

Gli osservatori del settore hanno detto che l’interesse per la sostituzione delle auto più vecchie sta calando dopo quasi un decennio di robuste vendite di auto nuove, mentre l’aumento dei tassi di interesse e le tariffe commerciali hanno spinto verso l’alto i costi degli acquisti. Questo fine settimana si sono registrati progressi nei colloqui con la Cina, ma il presidente Donald Trump ha ancora minacciato di imporre una vasta tassa del 25% sulle automobili importate negli Stati Uniti, potenzialmente gonfiando ulteriormente i prezzi. Per compensare il rallentamento delle vendite, le case automobilistiche hanno ridotto i posti di lavoro e ridotto la produzione di autovetture tradizionali, passando gradualmente a SUV e  pick up più grandi, che tendono ad essere più redditizi.