Toyota e Subaru sviluppano una nuova piattaforma elettrica

Toyota

Toyota e Subaru hanno deciso di sviluppare una piattaforma BEV comune. Inoltre, i due produttori giapponesi intendono sviluppare congiuntamente un modello SUV puramente batteria-elettrico nel segmento C che sarà venduto con entrambi i marchi. Le autovetture “medie e grandi” devono essere costruite sulla piattaforma. La cooperazione è intesa principalmente a ridurre i costi associati allo sviluppo e alla produzione di nuovi modelli.

Le due famose case automobilistiche giapponesi hanno deciso di sviluppare una piattaforma BEV comune

Il C-SUV è destinato a combinare i punti di forza di ciascuna delle due società, come dichiarato in un comunicato stampa: le tecnologie di elettrificazione di Toyota e la tecnologia a trazione integrale di Subaru. La cooperazione a livello di gruppo sulle nuove tecnologie è diventata molto diffusa nel settore automobilistico. Anche per una società globale come la Toyota, i costi per lo sviluppo di sistemi di batterie, azionamenti elettrici o auto autonome sono troppo alti o troppo rischiosi. “Toyota e Subaru credono che sia necessario perseguire un modello di business che vada oltre la convenzione e vada oltre i confini industriali”, hanno affermato le case automobilistiche.

Il nuovo progetto elettrico non è la prima collaborazione tra Toyota e Subaru. Dal 2005, le due società hanno intensificato la cooperazione in vari settori come lo sviluppo, le vendite e la produzione. Toyota è anche il maggiore azionista di Subaru con una quota del 16,77%. Probabilmente l’esempio più vivido di questa cooperazione sono le vetture sportive Toyota 86 e Subaru BRZ, che nessuna delle società avrebbe sviluppato da sola come modello di nicchia.

Negli ultimi mesi, Toyota ha cercato sempre più di entrare in partnership con altre case automobilistiche o aziende tecnologiche al fine di ridurre il proprio investimento di capitale. Ad aprile, la società giapponese ha annunciato che avrebbe rilasciato circa 24.000 brevetti dal suo sviluppo ibrido. I brevetti stessi possono essere utilizzati gratuitamente. Tuttavia, Toyota richiede denaro per ulteriore supporto tecnico nello sviluppo e nella vendita di veicoli elettrificati se questi produttori utilizzano motori Toyota, batterie, centraline e altri componenti.

Subaru è la più piccola delle principali case automobilistiche giapponesi e quindi ha difficoltà a effettuare investimenti così elevati in auto elettriche e altre tecnologie future. Tuttavia, questo è esattamente ciò che è considerato necessario per sopravvivere in futuro nel mercato automobilistico guidato dalla tecnologia.

L'autore

Ippolito per gli amici Lito, nasce a Monza. Laureato alla Bocconi in ingegneria meccanica. Appassionato di giornalismo in breve tempo scrive su noti portali Automotive Italiani ed esteri. Seguo in modo accurato tutto il settore Automotive News. Appassionato di Motori ed in particolare di Formula 1.
Potresti essere interessato a:
Toyota

Nuova Toyota Yaris: svelata la quarta generazione del "Piccolo Genio" nipponico

Toyota

Toyota e Lexus lanceranno tre veicoli elettrici entro il 2021

Toyota

Toyota estende la garanzia della batteria ibrida a 10 anni

Toyota

Toyota ha annunciato oggi "LQ", un concept che vuole costruire un legame emotivo con il conducente

Lascia un commento

in questo momento ti trovi Offline