Toyota

Toyota ha annunciato che aumenterà i suoi investimenti in USA per aumentare le sue capacità produttive negli Stati Uniti. Dopo aver annunciato di voler investire 10 miliardi di dollari in cinque anni nel 2017, la casa giapponese ha portato questa cifra a 13 miliardi, che la società prevede di spendere entro il 2021. Nei prossimi due anni, Toyota si aspetta che il suo investimento crei circa 600 nuovi posti di lavoro nei suoi stabilimenti americani.

Accanto al suo impegno a lungo termine, Toyota ha anche annunciato questa settimana di aver speso quasi 750 milioni di dollari in cinque stati degli USA, aggiornando e ampliando le capacità delle sue fabbriche. I nuovi investimenti includono l’aggiunta della produzione di veicoli ibridi RAV4 Hybrid e Lexus ES 300h nello stabilimento di produzione di Georgetown in Kentucky, l’espansione della capacità di produzione presso la sua struttura di Huntsville in Alabama, il raddoppio della capacità del suo stabilimento di Buffalo in West Virginia e un’espansione edilizia per ulteriori produzioni presso l’impianto di Bodine Aluminium a Jackson nel Tennessee, nonché ulteriori produzioni presso il suo stabilimento di Troy nel Missouri.

“Questi ultimi investimenti rappresentano esempi del nostro impegno a lungo termine per costruire dove vendiamo”, ha affermato Jim Lentz, amministratore delegato di Toyota Motor North America. “Aumentando l’impronta manifatturiera negli Stati Uniti, possiamo servire meglio i nostri clienti e concessionari e dotare i nostri stabilimenti di produzione in futuro di una maggiore capacità interna”.