Toyota
toyota

Il capo del settore dei veicoli elettrici di Toyota ha detto alla Reuters che la casa automobilistica ha ricevuto richieste da più di 50 aziende da quando ha annunciato la scorsa settimana che avrebbe offerto l’accesso gratuito ai brevetti per motori EV e centraline di controllo potenza. Shigeki Terashi ha anche detto che la sua azienda punta a utilizzare le partnership per tagliare la metà delle spese per la produzione di componenti per veicoli elettrici e ibridi in espansione negli Stati Uniti, in Cina e in Giappone.

“Fino ad ora siamo stati una casa automobilistica di primo livello, ma ora intendiamo diventare anche fornitori di sistemi ibridi di livello 2”, ha affermato il vicepresidente esecutivo di Toyota, Terashi.  La fornitura ai rivali aumenterebbe enormemente la scala di produzione di hardware come unità di controllo della potenza e motori elettrici utilizzati in ibridi benzina-elettrici, ibridi plug-in, veicoli completamente elettrici e veicoli a celle a combustibile, ha aggiunto.

La scorsa settimana Toyota ha delineato piani per offrire alle case automobilistiche e ai fornitori di automobili l’accesso senza diritti d’autore a quasi 24.000 tecnologie di veicoli elettrificati brevettati dalla casa automobilistica giapponese. In un’intervista rilasciata giovedì alla sede centrale della società in Giappone, Terashi ha fornito nuovi dettagli sulla strategia della sua azienda e sul suo impatto previsto sui piani di investimento della compagnia.

Offrendo la fornitura delle sue tecnologie alle case automobilistiche rivali con parti utilizzate nei veicoli ibridi di Toyota, la casa automobilistica giapponese vede un modo di tagliare la spesa in conto capitale di circa la metà per i nuovi impianti richiesti per costruire componenti per auto elettriche per i modelli futuri, ha detto Terashi. “Riteniamo che questo approccio ridurrà in modo significativo i costi di investimento”, ha affermato.