Sergio Marchionne
Sergio Marchionne: amministratore delegato di Fiat Chrysler Automobiles

Il matrimonio tra Volkswagen e Fiat Chrysler Automobiles per il momento sarebbe un’eventualità molto lontana visto e considerato che per FCA l’interesse nei confronti di VW in questo momento è pari allo zero. Lo ha detto dagli Stati Uniti, dove si è recato per incontrare il Presidente degli USA Donald Trump, il numero uno di FCA, l’amministratore delegato Sergio Marchionne. Ricordiamo che le indiscrezioni su un possibile accordo di collaborazione tra i due gruppi era partito proprio da Sergio Marchionne, il quale durante la conferenza stampa di presentazione delle novità che i suoi brand avrebbero da li a poco mostrato al Salone dell’auto di Ginevra 2017 aveva rilasciato dichiarazioni molto interessanti.

Il Ceo di Fiat Chrysler aveva infatti detto che dopo la cessione di Opel da General Motors a PSA non si sarebbe sopreso di vedere bussare alla sua porta Volkswagen per un’eventuale collaborazione. Da qui erano nate molte indiscrezioni sulle reali intenzioni dei due gruppi, qualcuno addirittura aveva ipotizzato che la fusione era ormai cosa fatta. Lo stesso Ceo di Volkswagen che prima aveva negato con energia qualsiasi possibilità di colloquio, successivamente era apparso assai possibilista su questa alleanza. Le parole di Sergio Marchionne rilasciate nelle scorse ore in USA però smentiscono categoricamente questa possibilità almeno per quanto riguarda il breve e medio termine.

Volkswagen
Volkswagen

Leggi anche: Volkswagen: accordo con Fiat Chrysler per mettere le mani su Maserati e Alfa Romeo?

Le cose ovviamente potrebbero notevolmente cambiare in futuro quando Fiat Chrysler avrà ridotto il suo indebitamento e Volkswagen avrà risolto i problemi con la giustizia per il dieselgate. A quel punto allora pensare ad un accordo non sarebbe più cosi improbabile come attualmente Sergio Marchionne ci vuole far credere. Del resto come mettono in evidenza gli analisti l’alleanza farebbe bene ad entrambi i gruppi con Volkswagen che finalmente avrebbe peso anche negli Stati Uniti e Fiat Chrysler che farebbe enormi passi avanti nello sviluppo delle nuove tecnologie.