Tempo di lettura: 2 minuti
Volkswagen
Volkswagen

Dopo lo scandalo emissioni che ha colpito il gruppo Volkswagen, si era intuito che niente più sarebbe stato come prima. Oggi infatti arriva la conferma che il più importante gruppo automobilistico tedesco per quanto concerne il futuro non intende offrire nuove vetture diesel negli Stati Uniti.  Negli scorsi mesi si era già vociferato di una simile decisione da parte dell’azienda teutonica, ma si era sempre trattato di semplici indiscrezioni. Adesso invece arriva la conferma ufficiale da parte di Herbert Diess, amministratore delegato di Volkswagen.

Volkswagen: addio diesel negli USA?

Herbert Diess nel corso di un’intervista rilasciata al giornale tedesco Handelsblatt, ha infatti affermato che il suo gruppo sta pensando seriamente di non portare più sul mercato a stelle e strisce nessuna nuova automobile con motore diesel. Il motivo di questa scelta sarebbe da ravvisare nelle mutate condizioni legali, con una sempre maggiore difficoltà da parte delle case automobilistiche a rispettare i limiti di emissioni previste dalle severe leggi americane. Già dopo lo scoppio del cosiddetto Dieselgate, Volkswagen aveva già bloccato le vendite di auto diesel negli Stati Uniti.

Volkswagen
Volkswagen

Il gruppo tedesco punterà sempre più forte sulle nuove energie pulite

Tra l’altro, questa notizia che riguarda il gruppo tedesco e la sua presenza negli Usa, arriva nello stesso giorno in cui il Parlamento europeo ha approvato  una nuova legge che prevede nuovi limiti nazionali sulle emissioni delle principali sostanze inquinanti, tra cui NOx. Questo allo scopo di stabilire degli obiettivi da raggiungere entro il 2030 per limitare gli effetti dell’inquinamento.

Volkswagen tenterà di far dimenticare lo scandalo emissioni puntando forte sulle nuove tecnologie, come chiarito dagli stessi dirigenti nei giorni scorsi. La notizia dell’addio alle auto diesel negli Usa per Volkswagen ovviamente ha rapidamente fatto il giro del mondo, trattandosi di un avvenimento destinato profondamente a modificare gli equilibri del mondo dei motori per quanto concerne i prossimi anni.