Gli spettacoli automobilistici tradizionali stanno cambiando e sono probabilmente meno rilevanti che mai. Ogni anno è pieno di questi eventi che sono sempre di più, rendendo difficile per le case automobilistiche partecipare a tutti. Audi, BMW e Mercedes-Benz, ad esempio, hanno annunciato che non prenderanno parte al Salone dell’Auto di Detroit del 2019. Anche Mazda, Mini, Volvo, Porsche, Mitsubishi, Jaguar e Land Rover non parteciperanno all’edizione del prossimo anno. Questo calo di popolarità ha spinto gli organizzatori a spostare il Detroit Auto Show del 2020, che si tiene tradizionalmente a gennaio, a giugno per rinvigorire l’evento. Tuttavia, Herbert Diess, presidente del gruppo Volkswagen, ritiene che il futuro delle auto tradizionali sia deprimente. “I motor show sono morti”, ha detto bruscamente durante un’intervista con l’Australia Motoring al Goodwood Festival of Speed. “Sono un prodotto degli anni ’60 e non sono più rilevanti. Non stanno offrendo ciò che vogliamo e non stanno offrendo ciò che gli acquirenti di auto vogliono “.

Per Herbet Diess il CEO di Volkswagen i tradizionali saloni dell’auto sono destinati a morire

Invece, il Presidente del Gruppo Volkswagen crede che festival e eventi dinamici come il Goodwood Festival of Speed ​​siano la via da seguire. “Le persone hanno bisogno di vedere più interazione con il prodotto. “Sono eventi come il Goodwood Festival of Speed ​​che ci mostrano il modo moderno di mostrare le auto alle persone”. Per provare a rivitalizzare l’evento, il Detroit Auto Show del 2020 includerà esibizioni all’aperto, debutti dinamici facendo eco al Goodwood Festival of Speed. Inoltre, coinciderà con il Gran Premio di Detroit per creare un mese di festival automobilistico.