ZF presenta il primo sistema di airbag laterale esterno pre-crash al mondo

News

Gli urti laterali sono tra i più pericolosi incidenti stradali, con circa 700 morti all’anno e quasi un terzo di tutti gli incidenti mortali sulle strade tedesche. Un nuovo prototipo di sistema di sicurezza pre-crash sviluppato da ZF utilizza un airbag laterale esterno dispiegato in millisecondi prima di una collisione. Fornisce una zona laterale aggiuntiva di deformazione, che può aiutare a salvare vite umane e a ridurre la gravità degli infortuni degli occupanti fino al 40 percento. Per rendere possibile tutto ciò, ZF ha collegato in rete gli airbag ai sistemi di sensori del veicolo e ha sviluppato algoritmi in grado di determinare se un incidente è imminente e decidere se distribuire o meno l’airbag.

ZF presenta il primo sistema airbag laterale esterno pre-crash al mondo

ZF ha dato una dimostrazione dal vivo del prototipo per il primo sistema di sicurezza degli occupanti pre-incidente al mondo con un airbag laterale esterno a Memmingen. “Abbiamo evidenziato che questo sistema di sicurezza ha il potenziale per ridurre in modo significativo la gravità degli incidenti degli occupanti in caso di collisioni con impatto laterale”, spiega Uwe Class, responsabile del reparto Sistemi di mobilità sicura, all’interno del team di Advanced Engineering di ZF.

ZF è attualmente l’unica azienda a fornire l’intera gamma di tecnologie integrate per la sicurezza dei veicoli, dai sistemi di sensori, algoritmi e unità di controllo agli attuatori attivi e passivi. “La nostra profonda comprensione dell’intero processo “vedere, pensare, agire”, ci consente di concettualizzare e realizzare soluzioni integrate di sicurezza dei veicoli come il nuovo sistema di sicurezza pre-crash “, afferma Class. La più grande sfida nello sviluppo di questo sistema è stata riconoscere in modo affidabile una collisione inevitabile e la distribuzione dell’airbag laterale esterno prima che la collisione abbia luogo. Il sistema ha circa 150 millisecondi per prendere la decisione di installare l’airbag e riempirlo, circa il tempo necessario a una persona per battere le palpebre.

I sensori del veicolo devono prima identificare un potenziale impatto in modo rapido e preciso. Questo è possibile con telecamere collegate, radar e lidar. Algoritmi nel software di sistema decidono se una collisione è inevitabile o meno e lo schieramento dell’airbag è possibile e vantaggioso. Se queste decisioni sono tutte affermative, il sistema accende i gonfiatori per riempire l’airbag. L’airbag, che ha una capacità compresa tra 280 e 400 litri (da cinque a otto volte il volume di un airbag conducente) a seconda del veicolo, si espande quindi verso l’alto dal davanzale laterale per formare una zona di deformazione aggiuntiva nell’area della porta tra l’A e pilastri C.

L'autore

Ippolito per gli amici Lito, nasce a Monza. Laureato alla Bocconi in ingegneria meccanica. Appassionato di giornalismo in breve tempo scrive su noti portali Automotive Italiani ed esteri. Seguo in modo accurato tutto il settore Automotive News. Appassionato di Motori ed in particolare di Formula 1.
Potresti essere interessato a:
News

Mitsubishi annuncia il lancio di un nuovo concept SUV ibrido

News

La nuova Volkswagen Golf GTE avrà varianti da 201 CV e 241 CV

News

Freno a mano: sulla via dell'estinzione

News

Guida autonoma: fosche previsioni dal CEO di ZF