Volvo adotterà le telecamere di monitoraggio dei conducenti su tutti i modelli dal 2020

Volvo

Volvo adotterà le telecamere di monitoraggio dei conducenti su tutti i modelli standard dal 2020, un passo che potrebbe portare a un’automobile dotata di tecnologia di guida autonoma che prende il controllo in caso di guidatore ubriaco. L’iniziativa è parte dell’ambizioso piano dell’azienda di arrivare a zero incidenti stradali. Essa inoltre imporrà un limite di velocità 180 km orari su tutti i suoi veicoli dal 2021.

Il sistema di monitoraggio sarà in grado di rilevare se il conducente è ubriaco o drogato o se si è addormentato o è distratto. Volvo ha dichiarato: “Queste tre aree costituiscono le principali” lacune “nei confronti della visione di Volvo di un futuro senza incidenti stradali”. Il piano per introdurre telecamere e sensori in-car è in parte basato su dati provenienti dagli Stati Uniti, che mostrano che quasi il 30% delle vittime di incidenti stradali in veicoli nel 2017 coinvolgevano conducenti ubriachi.

“Questo intervento potrebbe comportare la limitazione della velocità dell’auto, un avviso al conducente e come ultima istanza il rallentamento e il parcheggio dell’auto”, ha affermato Volvo. Le auto costruite sulla prossima iterazione della piattaforma SPA2 scalabile dell’azienda e prodotte a partire dal 2020 saranno le prime ad avere telecamere e sensori in-car, ma i dettagli dei loro numeri e delle loro posizioni devono ancora essere rivelati. La casa svedese sta inoltre introducendo Care Key come standard su tutte le sue auto. Questa è una tecnologia integrata nella chiave dell’auto che consente di impostare un limite di velocità per i conducenti che prendono in prestito l’auto. La Ford ha introdotto un sistema simile, MyKey, sei anni fa sulla Fiesta allo scopo di prevenire l’eccesso di velocità tra i conducenti più giovani che prendono in prestito l’auto dei genitori.

Volvo ha dichiarato di voler iniziare un dibattito sul fatto che le case automobilistiche abbiano il diritto o l’obbligo di installare una tecnologia che imponga un cambiamento nel comportamento del guidatore. L’annuncio del nuovo sistema di monitoraggio dei driver arriva quando Volvo celebra il 60 ° anniversario del lancio della cintura di sicurezza a tre punti come equipaggiamento standard.

L'autore

Ippolito per gli amici Lito, nasce a Monza. Laureato alla Bocconi in ingegneria meccanica. Appassionato di giornalismo in breve tempo scrive su noti portali Automotive Italiani ed esteri. Seguo in modo accurato tutto il settore Automotive News. Appassionato di Motori ed in particolare di Formula 1.
Potresti essere interessato a:
Volvo

Volvo elettrifica l'intera gamma con il nuovo ibrido plug-in XC40

Volvo

Lynk e Co 06, il nuovo SUV a sette posti debutterà alla fine del 2020

Volvo

Polestar apre la prima fabbrica in Cina

Volvo

Care by Volvo in USA potrebbe aver violato le leggi