Volvo Polestar punta forte sulla Cina per far impennare le sue vendite

Volvo

Polestar, il marchio di veicoli elettrici ad alte prestazioni di Volvo Cars vede la Cina come la sua più grande opportunità per incrementare notevolmente le sue vendite. Polestar Performance AB, prevede di ottenere quasi la metà delle sue vendite dal paese dopo il lancio di tre modelli entro il 2021, ha dichiarato Thomas Ingenlath, il capo globale del marchio, al salone automobilistico di Guangzhou venerdì. Il resto verrà dall’Europa e dal Nord America.

La società svedese affronterà Tesla nel più grande mercato automobilistico del mondo che rappresenta uno snodo fondamentale per lo sviluppo del settore dei veicoli elettrici in rapida crescita, mentre i principali marchi globali come BMW e Audi si stanno unendo alla mischia. Volvo Polestar ritiene che gli acquirenti di auto elettriche premium manchino ancora di opzioni sufficienti. “Non ci sono abbastanza varietà per i clienti”, ha detto Ingenlath in un’intervista. “Al momento, si tratta di ottenere e garantire una maggiore varietà di offerta ai clienti per rendere attraente l’elettrificazione”.

Polestar, marchio ad alte prestazioni di Volvo vede la Cina come la sua più grande opportunità per incrementare notevolmente le sue vendite

L’obiettivo iniziale di Polestar è quello di produrre una combinazione di 50.000 – 100.000 automobili all’anno dei suoi primi tre modelli nella sua fabbrica a Chengdu in Cina, ha dichiarato Ingenlath. La sua prima auto, l’ibrido Polestar 1 da 155.000 dollari, inizierà la produzione a metà del 2019. L’anno seguente, la società produrrà il suo primo modello di produzione in serie, la berlina Polestar 2 completamente elettrica, ha affermato. Questo mette il veicolo in competizione diretta con Tesla Model 3 che la società americana vuole costruire nella fabbrica progettata a Shanghai.

Per un vantaggio sui rivali, Polestar scommette sulle reti di produzione e assistenza di Volvo Cars e della casa automobilistica cinese Zhejiang Geely Holding Group Co. Queste relazioni aiuteranno Polestar a muoversi più rapidamente e a diventare più redditizia rispetto alle altre startup di veicoli elettrici. Questa almeno è la speranza manifestata in Cina dal suo numero uno.

L'autore

Ippolito per gli amici Lito, nasce a Monza. Laureato alla Bocconi in ingegneria meccanica. Appassionato di giornalismo in breve tempo scrive su noti portali Automotive Italiani ed esteri. Seguo in modo accurato tutto il settore Automotive News. Appassionato di Motori ed in particolare di Formula 1.
Potresti essere interessato a:
Volvo

Care by Volvo in USA potrebbe aver violato le leggi

Volvo

Geely registra un crollo del 40% nell'utile del primo semestre

Volvo

Volvo prepara due nuovi SUV, un entry level ed un top di gamma

Volvo

Volvo registra una crescita delle vendite globali del 7,1% a luglio