Volvo sta testando le auto a guida autonoma con famiglie vere

Volvo
Volvo

Solitamente quando si pensa ad un test sulle auto a guida autonoma ci si immagina un ingegnere o un tecnico, mentre la gente comune, se presente, svolge la funzione di passeggero. In realtà però Volvo sta cercando di cambiare questa idea facendo testare le sue auto con tecnologia a guida autonoma a famiglie normali. Una di queste famiglie che sta effettuando i test sulle auto a guida autonoma è ad esempio la famiglia Hain da Goteborg, in Svezia. La famiglia in questione è composta da quattro persone. Questo esperimento non è solo una trovata di marketing, ma ha uno scopo importante e cioè quello di aiutare i tecnici a capire cosa succede quando una di queste auto passa dalle mani degli esperti a quelle della gente comune. 

Volvo lancia Drive Me: progetto che coinvolge le famiglie

La famiglia Hain sarà una parte importante del progetto Drive Me, con cui Volvo  chiede la collaborazione con alleati privati e pubblici interessati allo svolgimento dei test sulle auto a guida autonoma. Al momento l’esperimento sta coinvolgendo 10/15 veicoli a Göteborg. Ma non si esclude che se i test andranno per il verso giusto l’esperimento potrà essere esteso ad altre famiglie. Marcus Rothoff, responsabile dei programmi di guida autonoma della casa automobilistica svedese ha spiegato questo progetto  oggi alla stampa durante la conferenza stampa che si è svolta al Salone auto di Detroit.

Leggi anche: Audi Q8 Concept svelato in anteprima al Salone di Detroit 2017

Volvo

Volvo

Leggi anche: Jaguar Land Rover entra nella società di tecnologia auto CloudCar

I clienti che decideranno di aderire a questo programma si faranno carico della tassa di possesso, mentre la proprietà delle auto rimarrà della Volvo. Si tratterà di Volvo XC90 dotate di tecnologia di guida autonoma di livello 2, lo stesso che stanno sperimentando anche Google e Uber. In futuro secondo il responsabile di Volvo si passerà direttamente al livello 4, questo perchè nel livello intermedio ci sono problemi relativi all’eventuale responsabilità in caso di incidenti. Il sistema si basa su un sensore un Lidar e quattro radar, oltre a camere ad alta risoluzione con sistemi autopulenti. 

About author

Laureato in Giurisprudenza, appassionati di motori, esperto di tutto quello che riguarda Alfa Romeo.
Related posts
Volvo

Volvo elettrifica l'intera gamma con il nuovo ibrido plug-in XC40

Volvo

Lynk e Co 06, il nuovo SUV a sette posti debutterà alla fine del 2020

Volvo

Polestar apre la prima fabbrica in Cina

Volvo

Care by Volvo in USA potrebbe aver violato le leggi